Stampa

Mastopessi

- Mastopessi

La mastopessi è una procedura chirurgica che ridona forma e posizione ad un seno cadente, tendenzialmente di piccole/medie dimensioni e che abbia perso volume. Con tale intervento è inoltre possibile ridurre il diametro delle areole mammarie, qualora queste siano troppo grandi e correggere eventuali asimmetrie esistenti fra le due mammelle, conseguenti alla maggior “caduta” di una mammella rispetto all’altra. È un intervento che può essere eseguito contestualmente alla mastoplastica riduttiva o essere eseguito singolarmente. Va però precisato che non è sempre possibile ottenere una simmetria perfetta. Come tutti gli interventi chirurgici, anche la mastopessi può comportare complicanze come infezioni, edemi, ematomi, emorragie, sieromi, asimmetria di forma e proiezione, riduzione o perdita di sensibilità del complesso areola-capezzolo, cicatrici di cattiva qualità.

L'INTERVENTO CHIRURGICO

L’intervento di mastopessi è eseguito in anestesia generale e dura circa 2-3 ore. A seconda del grado di ptosi mammaria, ovvero di “caduta” del seno, possono essere utilizzate tecniche differenti. Le incisioni variano da semplici incisioni periareolari, a para-areolari più verticali, sino a quelle a "T" invertita a seconda della grandezza del seno. Tubicini di drenaggio possono essere utilizzati in alcuni casi e rimossi pochi giorni dopo l’intervento. Questo tipo di intervento lascia in ogni caso delle cicatrici permanenti, che vengono facilmente nascoste da un reggiseno o da un costume da bagno. Alcune pazienti, come quelle che hanno un seno di piccole dimensione e quindi con una ptosi molto ridotta, possono essere sottoposte a procedure chirurgiche che prevedono cicatrici ridotte.

IL POST-OPERATORIO

Dopo l’intervento è solitamente presente un edema delle mammelle che tenderà a scomparire in 4-5 settimane. Il dolore può essere controllato con farmaci antidolorifici. Il bendaggio post-operatorio viene sostituito in seconda giornata da un reggiseno conformato che viene indossato per circa quattro settimane. I punti di sutura sono solitamente punti riassorbibili che quindi non necessitano di rimozione. La normale attività può essere ripresa in terza giornata, mentre l'attività fisica forzata (ginnastica, sport vari) viene interrotta per quattro settimane.

torna su